15 Gennaio. Un anno tutto nuovo per il Servizio Civile

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Il 15 Gennaio 2020 hanno iniziato il loro anno di Servizio Civile Universale 15 giovani, dando così il cambio ai 9 che abbiamo salutato ufficialmente il giorno prima. Un cambiamento a strettissimo giro, senza soluzione di continuità, che rende plastica l’idea del passaggio di testimone tra giovani e del cammino continuo in questa importante esperienza che Caritas compie insieme a loro fin dai tempi dai primi Obiettori di Coscienza. Il 15 gennaio, quindi, è iniziato anche per il Servizio Civile un 2020 tutto nuovo: cambiano le persone, infatti, ma cambia anche l’esperienza, perché per la prima volta diventa Servizio Civile ‘Universale‘ e non più ‘Nazionale’.

E dunque, Benvenuti  
Amsatou, Blerta, Caterina, Claudia, Cristiano, Francesca, Francesco, Giorgia, Leonardo, Ljuba, Matilde, Martina, Richy, Simona e Stefano.

E, insieme a voi, Benvenute anche a:
Federica, che svolgerà il suo servizio come Casco Bianco
Giorgia e Margherita, che iniziano l’ESCA Esperienza di Servizio, Comunità e Animazione e la “Tenda“, vita comunitaria al Campobase.

A tutti voi auguriamo…
In questo tempo, dove inizia il vostro anno di servizio, risuona ancora continuamente intorno a noi la parola crisi: crisi economica, umanitaria, internazionale. E continuiamo a vivere in un periodo di nuove guerre, di nuove difficoltà, di nuove non-accoglienze. L’anno che vi apprestate a vivere è un modo concreto per agire, affinché questa parola non scavi ulteriormente nelle relazioni tra le persone, creando ancor più solitudine; vi auguriamo che possiate essere testimoni del fatto che le crisi non si risolvono chiudendosi ma aprendosi e passando continuamente dall’lo al Noi.

Lavoreremo perché possiate con fiducia agire le responsabilità che da oggi la Comunità Vi affida. Vi auguriamo di farlo ricordando le parole di Papa Francesco nel Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace del 1° Gennaio 2020: “Il mondo non ha bisogno di parole vuote, ma di testimoni convinti, di artigiani della pace aperti al dialogo senza esclusioni né manipolazioni”. Iniziamo quindi quest’esperienza, consapevoli che si può contribuire fattivamente alla promozione dei valori della pace e della giustizia! Siate artigiani della Pace!

Sappiamo che sarà un anno di gioie e scoperte ma anche di dubbi e fatiche.
Comunque vi auguriamo che sia un anno speciale!

Leggi anche
Caritas Italiana: Servizio civile: al via i nuovi progetti Caritas