Notizie dal nostro Casco Bianco a Sarajevo, Valeria Garré
“Da mesi ormai diversi migranti, ragazzi, famiglie con bambini, donne e uomini adulti stanno attraversando la Bosnia Erzegovina nella speranza di arrivare in Croazia e così in Europa, alla ricerca di un futuro migliore. Venerdì mattina i profughi che dormivano di fronte alla Biblioteca Nazionale di Sarajevo, simbolo della città, sono stati trasferiti in un campo in Erzegovina. Lungo la strada sono stati bloccati per alcune ore perché il cantone dell’Erzegovina non voleva ospitarli.
Questo rifiuto sorprende ma non troppo. I numeri di persone che arrivano stanno aumentando e così anche le paure e le preoccupazioni della popolazione locale che già deve lottare per un futuro e un Paese migliore, un Paese che non è pronto ad affrontare una situazione del genere. Vi aggiornerò sugli sviluppi nei prossimi post. Valeria”