Author:

Un anno, una parola

Eccoci alla fine di questo anno di Servizio Civile Universale così particolare!
In questi pochi secondi ci sono i volti di chi ci ha accompagnato e una parola con cui racchiudere quanto vissuto durante l’anno.
GRAZIE Claudia, Giorgia, Cristiano, Ljuba, Leonardo, Amsatou, Martina, Francesco, Stefano, Matilde, Francesca, Simona, Caterina, Richy e Blerta!
Nel video anche le nostre due “esca” Giorgia e Margherita 😉
Buona continuazione del vostro cammino, portate un pochino del Campobase con voi!

Bando Servizio Civile Universale 2020 – PROROGA AL 17 FEBBRAIO

LA SCADENZA DEL BANDO E’ STATA PROROGATA AL 17 FEBBRAIO (ORE 14)

Servizio Civile Universale Bando 2020: c’è tempo fino al 17 febbraio (ore 14) per fare domanda e come sempre Caritas Diocesana mette a disposizione 16 posti destinati a giovani tra i 18 e i 28 anni che vogliono impegnarsi nel servizio alle persone più emarginate, nel rafforzamento di una cultura di pace, in stili di vita sostenibili e solidali.

È un anno in grado di imprimere una forte maturazione in chi lo sceglie, di allargare gli orizzonti, di far diventare protagonisti costruttivi di una città e di una società migliori.

Il programma di quest’anno risponde ai bisogni delle fasce deboli del territorio di Genova, promuovendo la loro inclusione. Propone progetti a favore di persone senza dimora, persone in situazioni di estrema povertà ed esclusione, famiglie in difficoltà e persone con Hiv/Aids che vivono situazioni di disagio sociale.

I progetti si svolgono in partnership con Fondazione Auxilium e l’Associazione La Staffetta. Presso l’Area Giovani è possibile inoltre ricevere informazione e orientamento sui ‘Caschi Bianchi’ di Caritas Italiana, progetti di servizio civile che impegnano i giovani in paesi che vivono o che hanno vissuto situazioni di guerra o catastrofi naturali: 28 i posti a disposizione su progetti in Africa, America Latina, Europa.


Titolo del programma

Fragilità urbane. Percorsi di inclusione-GENOVA


Titoli dei progetti

  1. Sentieri. Senza dimora e inclusione-GENOVA
  2. InCONtri. Rifugiati e inclusione-GENOVA
  3. ViviAmo. Hiv e inclusione-GENOVA
  4. Intrecci. Famiglie e inclusione-GENOVA

Riassunto programma

Il programma risponde ai bisogni delle fasce deboli del territorio di Genova, si occupa della loro inclusione e delle loro fragilità. Include progetti per persone senza dimora, persone in situazioni di estrema povertà ed esclusione, famiglie in difficoltà e persone che vivono una situazione di malattia cronica (AIDS) unita a problemi sociali.


Sintesi dei progetti

“InCONtri. Rifugiati e inclusione-GENOVA”

Il progetto si svolge in partnership con la Fondazione Auxilium – Area Persone Straniere, che accoglie persone straniere, rifugiate o richiedenti asilo, attraverso una serie di strutture e servizi di accoglienza e presa in carico.

I giovani in servizio civile collaboreranno nelle attività di accoglienza, nel supporto all’integrazione, come l’apprendimento della lingua e le attività di animazione.

Codice progetto: PTXSU0020920012036NXXX
Sede del servizio operativo: Fondazione Auxilium, Area Persone Straniere, Via Gagliardo 2, zona Di Negro
Posti: 4


“Sentieri. Senza dimora e inclusione-GENOVA”

Il progetto si svolge in partnership con la Fondazione Auxilium – Area Persone Senza Dimora, che accoglie persone senza dimora, portatori di bisogni materiali ma anche e soprattutto di bisogni relazionali.

I giovani in servizio civile collaboreranno nei vari servizi dell’area: la mensa, il centro diurno, un luogo di ritrovo che offre compagnia e ascolto come prima alternativa alla vita di strada, i servizi di sostegno alla cura della propria persona come il servizio docce e distribuzione indumenti, i servizi alloggiativi e dormitori (ma non in orario notturno) e le attività di animazione.

Codice progetto: PTXSU0020920012033NXXX
Sede del servizio operativo: Fondazione Auxilium, Area Persone Senza Dimora, Sal. Nuova N.S. del Monte 2 – Quartiere San Fruttuoso
Posti: 4


“ViviAmo. Hiv e inclusione-GENOVA”

Il progetto si svolge in partnership con la Fondazione Auxilium – La Palma e il Mandorlo, una casa alloggio per persone con Hiv/Aids che si propone un’accoglienza finalizzata al miglioramento progressivo dello stato di salute psico – fisico degli ospiti in vista di un eventuale reinserimento. Nella struttura sono presenti operatori sociali, personale infermieristico, volontari.

I giovani in servizio civile supporteranno gli ospiti in un percorso educativo rispetto alla cura di sé, dall’alimentazione all’attività motoria, e all’autonomia e collaboreranno a momenti di animazione, dalle uscite alle attività laboratoriali.

Codice progetto: PTXSU0020920011941NXXX
Sede del servizio operativo: Fondazione Auxilium, La Palma e il Mandorlo, Via P. Semeria, 54 – Quartiere San Martino
Posti: 4


“Intrecci. Famiglie e inclusione-GENOVA”

In partnership con la Fondazione Auxilium – Comunità Genitore Bambino “Il Cedro” e “il Mirto” e l’Associazione La Staffetta, il progetto si occupa di disagio minorile e genitorialità fragile nel Centro storico genovese.

I giovani in servizio civile collaboreranno nei servizi per i nuclei familiari di mamme con bambini promossi dalla Comunità, in particolar modo nelle attività di accoglienza, di sostegno all’autonomia, di supporto alla genitorialità e all’accudimento dei bambini e alle attività di integrazione sociale e relazionale come l’animazione, le uscite, i laboratori. Nella sede dell’associazione la Staffetta, un centro sociale per bambini dai 6 ai 14 anni aperto tutti i pomeriggi da lunedì a venerdì, i volontari collaboreranno invece alle attività di accoglienza ed educative del centro, come il gioco, i laboratori, il supporto scolastico, le uscite sul territorio, le attività di animazione nel periodo estivo, ma anche di integrazione delle famiglie nel contesto territoriale.

Codice progetto: PTCSU0020920012043NXXX
Sedi del servizio operativo:
Fondazione Auxilium, Comunità Genitore Bambino, Piazza S. Sabina 4 – Centro Storico – Posti: 2
Associazione La Staffetta, Vico Marinelle 6- Centro Storico – Posti: 2
NB: è necessario scegliere a quale sede fare domanda


Progetti Caschi Bianchi di Caritas Italiana

Progetto in paesi che vivono o che hanno vissuto situazioni di guerra o catastrofi naturali. Presso l’Area Giovani e Servizio Civile della Caritas di Genova puoi ricevere informazione e orientamento a questi progetti. Consulta anche www.caritas.it

I progetti si svolgeranno in: Africa, America Latina, Europa.
Numero posti: 28

Per vedere le schede dei progetti: https://www.caritas.it/pls/caritasitaliana/V3_S2EW_CONSULTAZIONE.mostra_pagina?id_pagina=9228

Nella sezione “Selezione volontari” del sito www.serviziocivile.gov.it ci sono tutte le informazioni, la possibilità di leggere e scaricare il bando e l’elenco di tutti i progetti finanziati, in Italia e all’estero.

 


Puoi presentare domanda di Servizio Civile solo on line

al link https://domandaonline.serviziocivile.it/


Il bando scade il 15 Febbraio

La domanda si può presentare fino alle 14 del 15 febbraio 2021


Per ogni informazione

Tel: 010.500724 – 348.1530057

Mail: servizio.civile@caritasgenova.it

Fb: @campobasegenova

Instagram: @campobase.donpierotubino/

Testimonianza SCU (3)

Cristiano: Il servizio civile universale, un anno verso…?

Cristiano ci mostra gli spazi di La Staffetta.

I giovani in Servizio Civile collaboreranno in attività educative e di integrazione sociale di bambini e ragazzi del centro storico genovese.

In queste settimane pubblicheremo piano piano i video delle altre sedi Caritas di Servizio Civile, la scadenza per presentare la domanda è il 15 febbraio alle 14.00.

(Musica: www.bensound.com)


Testimonianza SCU (2)

Caterina: Il servizio civile universale, un anno verso…?

Caterina sta finendo il servizio civile all’area senza dimora della Fondazione Auxilium.

I giovani in Servizio Civile collaboreranno ai servizi per gli ospiti della struttura: mensa, centro diurno, servizi alloggiativi, attività di animazione.

In queste settimane pubblicheremo piano piano i video delle altre sedi Caritas di Servizio Civile, la scadenza per presentare la domanda è il 15 febbraio alle 14.00.

(Musica: www.bensound.com)

Testimonianza SCU (1)

Francesca: Il servizio civile universale, un anno verso…?

Scopri le impressioni di chi sta terminando il servizio civile a Casa Nostra, una casa alloggio per persone con HIV/Aids.

I giovani in Servizio Civile supporteranno gli ospiti in un percorso educativo e collaboreranno a momenti di animazione.

In queste settimane pubblicheremo piano piano i video delle altre sedi Caritas di Servizio Civile, la scadenza per presentare la domanda è il 15 febbraio alle 14.00.

(Musica: www.bensound.com)

 

 

SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE BANDO 2019 / CALENDARIO CONVOCAZIONI PER LE SELEZIONI DEI PROGETTI

SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE BANDO 2019 (SCADENZA 17 OTTOBRE 2019)
CALENDARIO DELLE CONVOCAZIONI PER LE SELEZIONI DEI PROGETTI:

Ci sono. Persone senza dimora – Genova
Pampano. Bambini e famiglie – Genova sede Fondazione Auxilium
Pampano. Bambini e famiglie – Genova sede La Staffetta
Porte Aperte. Persone rifugiate – Genova
Io vhivo – Hiv e accoglienza – Genova

I candidati sotto elencati sono convocati per le procedure selettive previste dal sistema di accreditamento di Caritas Italiana (corso informativo e dinamiche di gruppo primo modulo) che si svolgeranno il
30 ottobre 2019 dalle ore 9.45 alle ore 17.00
presso la sede dell’Area Giovani e Servizio Civile della Caritas di Genova (Campo Base Don Piero Tubino) in Via Lorenzo Stallo 10 – 16136 GENOVA.

Agosti Claudia Pampano. Bambini e famiglie-Genova
Berruti Lorenzo Io vhivo. Hiv e accoglienza-Genova
Bruno Giorgia Ci sono. Persone senza dimora-Genova
Bruzzone Giorgio Ci sono. Persone senza dimora-Genova
Caligaris Cristiano Pampano. Bambini e famiglie-Genova
Cavallero Sara Ci sono. Persone senza dimora-Genova
Cecchella Ljuba Porte Aperte. Persone rifugiate-Genova
Ciapica Leonardo Io vhivo. Hiv e accoglienza-Genova
Diop Amsatou Ci sono. Persone senza dimora-Genova
Eric Tunde Ci sono. Persone senza dimora-Genova
Fossa Martina Pampano. Bambini e famiglie-Genova
Garziano Francesco Pampano. Bambini e famiglie-Genova
Ilari Stefano Pampano. Bambini e famiglie-Genova
Italiano Daria Pampano. Bambini e famiglie-Genova
Malavolti Matilde Io vhivo. Hiv e accoglienza-Genova
Marrollo Francesca Io vhivo. Hiv e accoglienza-Genova
Michienzi Luisa Pampano. Bambini e famiglie-Genova
Mope Christelle Pampano. Bambini e famiglie-Genova
Ojiegbe Samuel Ci sono. Persone senza dimora-Genova
Oke Callins Ci sono. Persone senza dimora-Genova
Pescara Giorgio Pampano. Bambini e famiglie-Genova
Rossini Simona Io vhivo. Hiv e accoglienza-Genova
Siracusa Erika Pampano. Bambini e famiglie-Genova
Tatkeu Borel Richy Porte Aperte. Persone rifugiate-Genova
Tondini Caterina Ci sono. Persone senza dimora-Genova
Xhuveli Blerta Porte Aperte. Persone rifugiate-Genova

 

I candidati sopraelencati che avranno partecipato integralmente al sopraindicato primo modulo del corso informativo e dinamiche di gruppo e che quindi non risulteranno esclusi dalle procedure selettive sono convocati al secondo modulo del corso informativo e dinamiche di gruppo che si svolgerà il
31 ottobre 2019 dalle ore 10.00 alle ore 12.30
presso la sede dell’Area Giovani e Servizio Civile della Caritas di Genova (Campo Base Don Piero Tubino) in Via Lorenzo Stallo 10 – 16136 GENOVA.

I candidati che avranno svolto integralmente il corso informativo e dinamiche di gruppo (primo modulo 30 ottobre e secondo modulo 31 ottobre) e che quindi non risulteranno esclusi riceveranno apposita convocazione (giorno e ora) per il colloquio selettivo personale.

—————-

I colloqui salvo diverse necessità organizzative si svolgeranno nelle seguenti date:

Io vhivo – Hiv e accoglienza – Genova – lunedì 4 Novembre

Ci sono. Persone senza dimora – Genova – martedì 5 Novembre

Porte Aperte. Persone rifugiate – Genova – mercoledì 6 Novembre

Pampano. Bambini e famiglie – Genova sede La Staffetta – giovedì 7 Novembre

Pampano. Bambini e famiglie – Genova sede Fondazione Auxilium – venerdì 8 Novembre

—————-

I candidati che non si presenteranno ai colloqui selettivi pur avendo partecipato integralmente al corso informativo e dinamiche di gruppo (modulo 30 ottobre e modulo 31 ottobre) verranno esclusi e non inseriti in graduatoria per non aver completato la procedura di selezione.

Tutti i candidati sono tenuti al rispetto della puntualità. Si ricorda che i candidati che non si presentino negli orari e nei giorni stabiliti e non svolgano integralmente le attività selettive previste sono esclusi per non aver completato la relativa procedura.

Come previsto dal bando questa pubblicazione ha valore di notifica.

Le spese di viaggio per raggiungere la sede delle procedure selettive sono a totale carico del partecipante. Il pranzo all’interno del primo modulo del corso informativo e dinamiche di gruppo è a carico dell’organizzazione.

Per eventuali comunicazioni o necessità di chiarimenti si può contattare l’Area Giovani e Servizio Civile della Caritas di Genova (servizio.civile@caritasgenova.it – tel. 010500724 . cell. 3481530057).

Le procedure selettive si svolgeranno secondo il “sistema di reclutamento e selezione” accreditato, reperibile su www.caritas.it.

Calendario pubblicato alle ore 17.50 del 18.10.2019

 

Cirilla. Un anno fuori dal comune perché….

 

….mi ha mostrato mancanze che non pensavo di avere, ma come queste possono essere superate sia con le risorse che porto dentro, sia con la relazione con gli altri. Svolgendo questo servizio in un paese differente dal mio, ho scoperto come sia importante il tempo. Sapersi dare del tempo per sé stessi, per conoscere e cercare di capire persone con una cultura differente dalla mia e saper rispettare il tempo degli altri in questo scambio di conoscenza reciproca. Mi sono trovata a pormi tante domande di fronte a molte situazioni di sofferenza che incontravo e questo mi ha aiutato a non mettermi al centro cercando il perché, ma piuttosto a lavorare insieme per trovare il come reagire. L’incontro quotidiano con bambini di strada che per lo più non parlano la lingua amministrativa del luogo, mi ha mostrato come spesso siano superflue le parole, come spesso, prima di questa esperienza, ho dato più importanza a ciò che mi veniva detto magari distrattamente piuttosto che agli sguardi, ai sorrisi, ai gesti… Sono partita pensando di insegnare molte cose a loro, ma più andavo avanti più mi accorgevo che sono stati loro i miei maestri. Nella loro spontaneità ad aiutarmi a preparare la colazione, come a trasportare scatoloni e, per chi conosce un po’ di francese, a sostenere le lezioni di alfabetizzazione verso i ragazzi più piccoli. Nella vera solidarietà di chi, anche se non ha nulla, condivide arrivando anche a donare a chi è in maggior difficoltà.

Sara. Un anno fuori dal comune perché….

….è “servizio” che mette in relazione e fa crescere. È “comunità” perché si intraprendono attività insieme, pensieri profondi e giornate di gruppo al Campobase. È “insegnamento” dal punto di vista lavorativo e organizzativo. È “soddisfazione” perché ti sono riconosciute tutte le cose che dai. È “orgoglio personale” poiché anche un piccolo gesto a volte è riconosciuto come grande. È “divertimento” perché le giornate trascorrono in modo piacevole. È  “prova” di coraggio e sensibilità della persona. È  “atto di responsabilità e di autonomia” perché vengono dati dei compiti che lo richiedono, come, nel mio progetto, organizzare uscite con bambini e mamme. È “organizzazione” perché è un servizio da comprendere nella giornata con orari e attività definite. È “emozione” perché ciò che si incontra diventa personale ed è principalmente un motivo di “affezione” a ciò che ogni giorno si vede.